Книжная полка Сохранить
Размер шрифта:
А
А
А
|  Шрифт:
Arial
Times
|  Интервал:
Стандартный
Средний
Большой
|  Цвет сайта:
Ц
Ц
Ц
Ц
Ц

Итальянский язык. Второй иностранный язык. 11 класс. Базовый уровень

Покупка
Новинка
ФПУ
Артикул: 818636.01.99
Учебник является частью УМК по итальянскому языку для 11 класса общеобразовательных организаций и входит в линию учебников, обеспечивающую преемственность обучения итальянскому языку как второму иностранному с 5 по 11 класс. Учебно-методический комплект для 11 класса включает учебник, аудио-приложение к учебнику и методическое пособие для учителя. Учебник соответствует Федеральному государственному образовательному стандарту среднего общего образования.
Дорофеева, Н. С. Итальянский язык. Второй иностранный язык. 11 класс. Базовый уровень : учебник / Н. С. Дорофеева, Г. А. Красова. - 3-е изд., стер. - Москва : Просвещение, 2023. - 189 с. - ISBN 978-5-09-103590-2. - Текст : электронный. - URL: https://znanium.ru/catalog/product/2123855 (дата обращения: 12.04.2024). – Режим доступа: по подписке.
Фрагмент текстового слоя документа размещен для индексирующих роботов. Для полноценной работы с документом, пожалуйста, перейдите в ридер.
З © АО «Издательство «Просвещение» для коллекции ООО «ЗНАНИУМ »

.
УДК 373.167.1:811.131.1+811.131.1(075.3)
ББК 81.473.1я721
 
Д69

© АО «Издательство «Просвещение», 2021
©  Художественное оформление. 
АО «Издательство «Просвещение», 2021 
Все права защищены

ISBN 978-5-09-103590-2 

Дорофеева, Надежда Сергеевна.
Итальянский язык : второй иностранный язык : 11-й класс : базовый 
уровень : учебник / Н. С. Дорофеева, Г. А. Кра сова. — 
3-е изд., стер. — Москва : Просвещение, 2023. — 189, [3] с. : ил.
ISBN 978-5-09-103590-2.
Учебник является частью УМК по итальянскому языку для 11 класса 
общеобразовательных организаций и входит в линию учебников, обеспечивающую 
преемственность обучения итальянскому языку как второму иностранному 
с 5 по 11 класс.
Учебно-методический комплект для 11 класса включает учебник, аудио-
приложение к учебнику и методическое пособие для учителя.
Учебник соответствует Федеральному государственному образовательному 
стандарту среднего общего образования.

УДК 373.167.1:811.131.1+811.131.1(075.3)
ББК 81.473.1я721

Д69

Учебник допущен к использованию при реализации имеющих государственную аккредитацию 
образовательных программ начального общего, основного общего, среднего общего 
образования организациями, осуществляющими образовательную деятельность, 
в соответствии с Приказом Министерства просвещения Российской Федерации № 254 
от 20.05.2020 (в редакции приказа № 766 от 23.12.2020)

З © АО «Издательство «Просвещение» для коллекции ООО «ЗНАНИУМ »

.
UNITÀ UNO 
PRIMA UNITÀ
Ultimo anno di liceo: il primo passo nella vita
Lezione uno  
Prima lezione

Due scuole a confronto

1 
Oggi dopo le vacanze d’estate sei tornato a scuola. Stai per affrontare 
l’ultimo anno di scuola. Parliamone.
1) Che tipo di scuola frequenti? È una scuola comune, un liceo, una 
scuola specializzata, un collegio? Che orientamento ha?
2) Perché hai scelto questa scuola?
3) Dove si trova la tua scuola? È vicino a casa tua? Come ci vai?
4) Che orario hai?
5) Cosa ti piace e cosa non ti piace della tua scuola?
6) In quanti siete in classe? Quanti maschi? Quante femmine? Ci 
sono degli alunni nuovi rispetto all’anno scorso?
7) Come sono i rapporti tra i compagni della tua classe?

2 
 Su nostra richiesta Beatrice Varriale, studentessa dell’ultimo anno del 
Liceo Virgilio di Mantova, ha descritto la vita al suo liceo. Guarda le fi gure e ascolta 
il testo pezzo per pezzo rispondendo alle domande che seguono ogni pezzo.

Scalone centrale 
Corridoio centrale
Il preside nel suo studio

Museo di storia naturale
Sala informatica
Museo di fisica

З © АО «Издательство «Просвещение» для коллекции ООО «ЗНАНИУМ »

.
Unità uno 
Lezione uno 

4

Una giornata al Liceo Virgilio di Mantova
È difficile raccontare la vita degli studenti, perché ognuno ha una 
propria esperienza personale, vive una realtà diversa, anche nello stesso 
luogo, soprattutto in una scuola come la nostra che accoglie studenti dai 
13 ai 19 anni.

accogliere vt — принимать

 
• Perché è difficile descrivere la vita degli studenti?
 
• Che età hanno i ragazzi che studiano in questo liceo?
 
• Anсhe nella tua scuola studiano i ragazzi dai 13 ai 19 anni?

Ma alcune cose sono comuni per tutti: prima di tutto, la campanella 
che suona le nostre ore. La prima suona alle 7.55 e ci invita nelle nostre 
classi, la seconda alle 8.00 e indica l’inizio delle lezioni. Suonerà ad ogni 
ora, per il cambio di  materia. A differenza di alcune scuole, che hanno 
un’aula per materia, la nostra ha un’aula per classe: sono i professori che 
corrono nei corridoi in cerca della classe in cui sono а quell’ora, e spesso 
entra un insegnante che, dopo essersi guardato attorno, dice: “Non sono 
da voi? Oh, scusate, ho guardato il giorno sbagliato”. Cinque ore, tutti i 
giorni sabato incluso. Brutto, vero? Tuttavia, due campanelle sono molto 
amate dagli studenti: 10.50 intervallo e 13.05 fine delle lezioni. I primi 
due anni le ore sono di meno, grazie al cielo, e alcuni giorni usciamo.

а differenza di qc — в отличие от чего-л.

 
•  Anche nella vostra scuola ci sono due campanelle di mattina? 
A che ora suonano?
 
• Nella vostra scuola le aule sono per materia o per classe?
 
•  Quante ore di lezione avete ogni giorno? Quanti giorni alla 
settimana studiate?
 
• Anche voi avete un intervallo per mangiare?
 
• A che ora fi niscono le vostre lezioni?

Sembra una vita monotona, ma non è così. È una battaglia, una 
corsa fatta di successi e insuccessi: unica arma è l’impegno. Organizziamo 
assemblee, in cui nascono dibattiti su problemi di attualità. Abbiamo 
molti progetti, purtroppo pochi fondi. Ma l’ambiente scolastico è ottimo, 
offre la possibilità di capire le proprie inclinazioni e capacità. Il rapporto 
con i professori è buono: possiamo esprimere le nostre idee, aprire dibattiti 
durante la lezione e chiedere spiegazioni, anche a quelli che non insegnano 
nella nostra classe. Ti insegnano soprattutto come si studia.

З © АО «Издательство «Просвещение» для коллекции ООО «ЗНАНИУМ »

.
Unità uno 
Lezione uno 

5

arma f — оружие
impegno m — прилежание, усердие
inclinazione f — наклонность
capacità f — способность

 
• La vostra vita è monotona oppure è una battaglia, una corsa?
 
• Che cosa organizzate? Che progetti avete?
 
•  Com’è l’ambiente scolastico nella vostra scuola? Vi aiuta a capire 
le vostre inclinazioni e le vostre capacità?
 
• Come sono i rapporti con i professori?

Nel nostro liceo le materie sono umanistiche, però ci sono anche le 
scienze. Nei primi anni si studia molto: per avere le basi fondamentali 
bisogna fare molto esercizio, soprattutto di traduzione. Gli ultimi anni 
sono più intensi e faticosi, perché sono molte le materiе da studiare. 
Ultimamente le assemblee e i progetti si sono intensificati, e questo è un 
bene. Oltre a dibattiti di attualità, si organizzano anche spettacoli teatrali, 
assemblee di studenti con proiezione di film importanti. Alcuni professori 
tengono lezioni pomeridiane di approfondimento di certi argomenti, come 
scienze o filosofia. Per gli studenti in difficoltà è stato creato lo “sportello 
help” dove un professore tiene una lezione privata e gratuita all’alunno.

prevalere vi — преобладать, превалировать
gratuito agg — бесплатный

 
• Quali sono le materie che prevalgono nella vostra scuola?
 
• Com’è l’ultimo anno rispetto agli anni precedenti?
 
• Che attività extrascolastiche avete?
 
• Ci sono lezioni di approfondimento?
 
• Come vengono aiutati gli studenti in diffi  coltà?

Un altro aspetto che riteniamo fondamentale sono i viaggi di 
istruzione: abbiamo la possibilità di visitare posti nuovi che finora 
avevamo solo visto in fotografia o letto sui libri. Con la presenza degli 
insegnanti, poi, riusciamo a conoscere meglio i monumenti, gli avvenimenti 
storici e le tradizioni dei luoghi che visitiamo. E anche è molto importante 
che gli studenti di più classi abbiano molte occasioni per conoscersi. Così 
nascono nuove amicizie.
 
•  Anche voi fate dei viaggi durante l’anno scolastico per visitare 
posti nuovi?
 
• Come sono organizzati?
 
• È un’occasione per fare nuove amicizie?

З © АО «Издательство «Просвещение» для коллекции ООО «ЗНАНИУМ »

.
Unità uno 
Lezione uno 

6

Ci sono anche i viaggi studio che si svolgono per un paio di settimane 
estive, spesso tra fine agosto e inizio settembre. Si ha la possibilità di 
venire ospitati in una nazione straniera per studiare la lingua e frequentare 
la scuola. Anche noi durante l’anno scolastico ospitiamo ragazzi di altri 
paesi che frequentano le lezioni in Italia.

ospitare vt — принимать гостей, оказывать гостеприимство

 
•  Anche nella vostra scuola organizzano dei viaggi studio 
all’estero?
 
• Anche voi ospitate ragazzi stranieri?

La cosa più bella è che l’edificio del nostro liceo è molto antico: 
risale al ’500 ed era un collegio religioso, fatto in seguito statale da 
Napoleone nell’800. Il Liceo Virgilio ospita anche la biblioteca più 
importante di Mantova, la Teresiana, che deve il nome all’imperatrice 
Maria Teresa d’Austria.
La nostra scuola è un piccolo mondo che ci prepara alla vita “da 
grandi”, con le sue luci e le sue ombre.

 
• E com’è l’edificio della tua scuola? Ti piace?
 
• Anche la vostra scuola è un vostro piccolo mondo?

3 
Cosa vuol dire? Segna con una × la risposta giusta.
1)  Ti insegnano come si studia.
 
 come bisogna studiare 
 come lui studia
2) Si organizzano spettacoli teatrali.
 
 loro organizzano 
 vengono organizzati
3) Si ha la possibilità di venire ospitati.
 
 lui ha la possibilità di venire ospitato    
 
 tutti hanno la possibilità di venire ospitati

4 
Leggi il testo dell’es. 2 e metti al posto dei puntini la preposizione semplice 
o articolata.
1) ... differenza ... alcune scuole che hanno un’aula ... materia, la nostra 
ha un’aula ... classe. 2) I professori corrono ... cerca ... classe. 3) È una 
corsa fatta ... successi e insuccessi. 4) Oltre ... dibattiti ... attualità si 
organizzano anche spettacoli teatrali e assemblee ... studenti. 5) Ci sono 
anche i viaggi ... istruzione. 6) Offre la possibilità ... capire le proprie 
inclinazioni e capacità.

5 
Compito scritto. Descrivi la vita alla tua scuola prendendo come spunto 
il testo dell’es. 2.

З © АО «Издательство «Просвещение» для коллекции ООО «ЗНАНИУМ »

.
Lezione due  
Seconda lezione

Impara l’arte e mettila da parte

1 
Spesso gli studenti dicono che ci sono troppe materie, che sono troppo 
difficili e che molte cose non serviranno mai nella vita. Parliamone!
1) Che materie avete?
2) Hai qualche materia nuova rispetto all’anno scorso?
3) Quali materie ti piacciono di più? Perché?
4) Ci sono delle materie che non ti piacciono? Perché?

2 
Molte persone pensano che per uno studente che ha intenzione di 
continuare gli studi all’università sia necessaria una seria formazione di base. 
Prima di ascoltare il testo leggi le parole e le espressioni.

formazione f — подготовка, образование
ovviamente avv — конечно
eccellente agg — превосходный
insistere vi — настаивать
per quanto mi riguarda — что касается меня
ritenere vt — считать, полагать
conoscenza f — познание, знание
scorrere vi — течь
cosiddetto agg — так называемый
concetto m — понятие

3 
 Guarda le fi gure e ascolta il testo scritto da Maddalena Tulanti, 
giornalista del “Corriere della sera”, sul Liceo Classico che ha frequentato.

Vocabolario
LATINO
ITALIANO

Dizionario

GRECO ANTICO
ITALIANO

MATEMATIСA

2+2=4

17−9=8
45:5=9

3•(5−3)=6

З © АО «Издательство «Просвещение» для коллекции ООО «ЗНАНИУМ »

.
Unità uno 
Lezione due 

8

Il mio liceo
Io ho frequentato il Liceo Classico. Si tratta di una formazione 
scolastica di tipo umanistico in cui la storia del pensiero (filosofia), della 
letteratura italiana e dei classici greci e latini prevalgono su tutto il resto 
della formazione.
Il ciclo di studi si divide in ginnasio e liceo. Il primo anno e il secondo 
si chiamano “ginnasio”. A sedici anni dunque comincia il vero e proprio 
liceo di tre anni che a 18 anni fi nisce con gli esami di maturità. Negli anni 
del ginnasio si studiano insieme al greco e al latino anche le lingue moderne. 
Al liceo l’attenzione è solo sul latino e il greco, sulla letteratura italiana 
e sulla fi losofia. Latino e greco vengono studiate nella forma scritta 
e in quella orale, il che signifi ca soprattutto grammatica, traduzione e 
letteratura. La fi losofia nella tradizione italiana vuol dire soprattutto storia 
del pensiero fi losofi co. Non si leggono i testi scritti dai filosofi, o comunque 
si leggono molto poco. Ma si studia l’evoluzione della fi losofia nei secoli fino 
al Novecento. Ovviamente matematica, scienze, fisica, chimica, geografia 
e storia sono materie obbligatorie anche nel Liceo Classico.
A mio parere il Liceo Classico è ancora oggi una formazione eccellente 
per uno studente che ha intenzione di continuare gli studi universitari. 
Credo tuttavia che bisognerebbe insistere ancora di più con lo studio delle 
lingue classiche, latino e greco. Molti credono che sia inutile studiare le 
“lingue morte” come il latino e il greco. È una noia per la maggior parte 
degli studenti che passano i pomeriggi tra libri, dizionari e appunti.
Per quanto mi riguarda ritengo che il passato resti il fondamento 
della nostra conoscenza. Ma non dimentichiamo che sono alla base di gran 
parte delle lingue europee, l’italiano in particolare: il sangue dei nonni 
continua a scorrere nelle vene dei nipoti, giusto? Se c’è dunque qualcosa 
che cambierei nell’insegnamento delle cosiddette lingue morte è proprio il 
concetto di “morte”. Le trasformerei in lingue “vive”.

4 
Leggi il testo dell’es. 3 e rileva i passaggi in cui si dice:
1) quali materie sono al centro dell’attenzione nel Liceo Classico;
2) cosa vuol dire la filosofia nella tradizione italiana;
3) quali sono le altre materie obbligatorie;
4) perché molti credono che sia inutile studiare il latino e il greco;
5) qual è la posizione della giornalista sullo studio delle lingue morte.

5 
Cosa vuol dire? Segna con una × la risposta giusta.
1) Si studiano insieme al greco e al latino anche le lingue moderne.
 
 vengono studiate 
 loro studiano
2) Non si leggono i testi scritti dai filosofi.
 
 loro leggono 
 vengono letti

З © АО «Издательство «Просвещение» для коллекции ООО «ЗНАНИУМ »

.
Unità uno 
Lezione due 

9

3) Si studia l’evoluzione della filosofia.
 
 lui studia 
 tutti studiano

6 
Al posto dei puntini metti la preposizione semplice o articolata. Consulta 
il testo dell’es. 3.
1) ... sedici anni le materie umanistiche prevalgono ... tutto il resto della 
formazione. 2) Il Liceo si divide ... ginnasio e liceo che finisce con gli 
esami ... maturità. 3) Insieme ... greco e ... latino si studiano anche le 
lingue moderne. 4) La maggior parte ... studenti passa i pomeriggi ... 
libri, dizionari e appunti. 5) Il greco e il latino sono ... base ... molte lingue 
europee. 6) Il sangue ... nonni continua ... scorrere ... vene ... nipoti.

7 
Lavorare in coppia. Fate l’uno all’altro 4–5 domande sul testo dell’es. 3 
e date le risposte.

8 
E tu cosa diresti: è necessario o no l’insegnamento delle cosiddette lingue 
morte al liceo? Argomenta la tua posizione.

9 
Il tema delle materie che piacciono e non piacciono è sempre oggetto di 
discussioni tra i ragazzi. Leggi cosa ne pensano i tuoi coetanei italiani.
Ivan: 
 La mia materia preferita è matematica e fi sica. Mi piacciono 
soprattutto quando sono diffi cili.
Enrico: 
Sono indeciso fra informatica, matematica e latino... forse 
scelgo informatica...
Giovanni: La mia materia preferita è la matematica perché si usa la 
logica ma anche informatica, anche se è un po’ diffi cile.
Cristina: 
Qualunque tipo di letteratura e fi losofi a!
Vittoria: 
Ogni tipo di letteratura e poesia perché amo l’italiano, la 
lettura e la scrittura, scienze perché mi piace molto la natura 
e il corpo umano, non vedo l’ora di iniziare fi losofi a perché la 
trovo una materia affascinante. E non ho mai studiato 
psicologia ma mi piacerebbe!

non vedo l’ora — жду не дождусь

Carlo: 
Inglese, informatica e materie scientifi che, soprattutto 
matematica.
Chiara: 
La mia materia preferita è scienze, soprattutto quelle naturali, 
perché da grande vorrei diventare una zoologa, e magari chissà 
andare in giro per il mondo!
Isabella: 
Odio la matematica, non la sopporto proprio con tutti quei 
calcoli e le formule! Che noia!

sopportare vt — выносить, переносить

З © АО «Издательство «Просвещение» для коллекции ООО «ЗНАНИУМ »

.
Unità uno 
Lezione due 

10

Arturo: 
A me piace in generale studiare per imparare cose nuove. Per 
questo le materie mi piacciono più o meno tutte, a parte la 
geografi a che non so perché proprio non la sopporto.
Lucia: 
Mi piace la storia perché parla della vita della gente, scienze 
perché si fanno tante domande, matematica perché si usano i 
numeri che sono una lingua che capisce tutto il mondo o 
quasi, l’italiano mi viene meglio di tutti perché si usa la 
fantasia e la capacità di osservazione, l’inglese perché ti 
permette di comunicare con chi viene da altri paesi, la musica 
perché... non c’è bisogno di dirlo.
Marco: 
Le mie materie preferite sono: storia perché mi piace scoprire 
nuove cose, perché mi piace studiare i popoli che sono vissuti 
su questa terra; italiano (scrivere un testo) perché posso 
liberare la mia fantasia, matematica perché solo studiandola 
si possono capire le nostre origini, cioè l’universo.
Ilaria: 
Le mie materie preferite sono italiano, mi piace scrivere i 
racconti fantastici. Tedesco è un’altra mia materia preferita. 
Però vado assai bene anche nelle altre materie, anche se non 
mi piacciono tantissimo non importa.
Beatrice: 
Italiano! Perché posso scrivere e infatti tutti mi dicono che 
sono la poetessa della scuola! Vorrei fare la scrittrice fantasy 
o di poesie.
Sandro: 
La mia materia preferita è educazione fi sica, perché è l’unica 
in cui non si deve studiare, arte perché posso esprimere i miei 
sentimenti con i colori ed italiano, soprattutto antologia e 
storia della letteratura perché adoro leggere e studiare la vita 
di Dante e degli altri scrittori. Amo leggere, leggerei giorno e 
notte e rinuncerei anche alla scuola!

rinunciare a qc — отказываться от чего-л.

10 
Cosa vuol dire? Segna con una × la risposta giusta.
1) Si usa la logica.
 
 viene usata la logica 
 lui usa la logica
2) Si fanno tante domande.
 
 loro fanno tante domande 
 vengono fatte tante domande
3) Si usano i numeri.
 
 vengono usati i numeri 
 loro usano i numeri
4) Si possono capire le nostre origini.
 
 tutti possono capire 
 loro possono capire
5) Non si deve studiare.
 
 non bisogna studiare 
 lui non deve studiare

З © АО «Издательство «Просвещение» для коллекции ООО «ЗНАНИУМ »

.